Lunedì, 13 Giugno 2022 16:21

M'ILLLUMINO DI MENO 2022

Anche quest'anno l'Istituto ha aderito a "M'Illumino di Meno", la giornata del risparmio energetico promossa da Radio2, giunta ormai alla 18^ edizione.
 
"PEDALARE,  RINVERDIRE, MIGLIORARE" questo lo slogan che ha accompagnato tutte le classi della Scuola Secondaria in un progetto d'Istituto organico, che ha visto protagonisti i ragazzi per un mese intero.
Siete curiosi di scoprire come?
...leggete il documento in allegato!
Vi abbiamo raccolto i lavori migliori prodotti dai nostri ragazzi, con l'idea di accompagnarvi in un viaggio all'insegna della sostenibilità .
 
Palumbo Marina, Righetti Maria Cristina, Sedona Alessia, Vedovato Anna
Venerdì, 27 Maggio 2022 15:29

IMMERSI IN UN..MARE DI LIBRI!

 

Nell’ambito del progetto “Educazione alla lettura” gli alunni delle classi prime hanno avuto l’opportunità di alimentare il loro interesse verso i libri scoprendo le proposte che la rete delle biblioteche della città offre ai ragazzi della loro età.

Nel mese di maggio è “passato a trovarci” il Bibliobus, che si è fermato per qualche giorno proprio nel cortile del nostro Istituto! Tutte le classi della scuola hanno potuto curiosare tra gli scaffali di questo speciale veicolo, prendere a prestito dei testi ed ascoltare delle letture animate.

Non è finita qui! Qualche settimana dopo le classi 1A e 1B si sono recate in visita alla Biblioteca per ragazzi Vez Junior: attraverso il laboratorio “Fare una ricerca in Biblioteca” hanno scoperto con i loro occhi come si articola una biblioteca, qual è il suo funzionamento e come sono classificati i libri nelle diverse sale. Hanno imparato a fare una ricerca a catalogo e a curiosare tra i titoli per lasciarsi attirare dai testi più affascinanti.

Leggere insieme è stato davvero un piacere!

Francesca Elisa Maritan

18/05/2022

Oggi gli alunni delle classi di prima media al gran completo, hanno potuto visitare la
“storica” palestra di Ginnastica della società sportiva “Spes Mestre” che tante
soddisfazioni ha regalato alla nostra città ed anche alla nostra nazione forgiando negli
anni lontani, più recenti e fino ai giorni nostri fior di campioni e campionesse!
Appena restaurata, la palestra ha accolto in due momenti separati gli alunni/e delle
classi per una mattinata dedicata alla conoscenza di questo ambiente sportivo che per
sua natura (attrezzi, pedane ecc) si discosta certamente dalla classica palestra
scolastica.
Tutti hanno avuto modo di capire quanto impegno sia necessario per diventare
sempre più bravi nel controllo del corpo che la ginnastica richiede e quanto questa sia
utile per una crescita sana ed equilibrata oltre che costituire anche una robusta base
per praticare poi altri sport.
Guidati dagli accoglienti, simpatici e preparatissimi allenatori Andrea, Roberto ed
Enrico, tutti i ragazzi/e dopo un accurato riscaldamento hanno provato alcuni elementi
classici della preacrobatica e si sono cimentati su attrezzi che a scuola non è possibile
avere: tra materassi, trampolini, air-mat, tumbling track e “buche paracadute” tutti si
sono divertiti e messi alla prova.
Il tempo è volato ( quasi 2 ore di lavoro), ma per tutti la soddisfazione ed il
divertimento non sono certo mancati. Di questo siamo grati agli allenatori della Spes
che – gratuitamente – hanno messo a disposizione il loro tempo e la palestra per noi,
regalandoci una bella esperienza in campo motorio.
Esperienza che speriamo poter ripetere in futuro, sia con la scuola primaria che con la
scuola media.
Grazie SPES!

PROGETTO DI EDUCAZIONE CIVICA: LETTERE DAL FRONTE...DEL BERNA
 
Gli studi di storia affrontati quest’anno e l’avvicinamento ad alcuni testi letterari del periodo tra le due Grandi Guerre hanno ispirato questo progetto di educazione civica che ha coinvolto anche le materie di tecnologia ed arte.
I ragazzi delle tre classi terze hanno letto e analizzato alcune testimonianze scritte al fronte che i soldati italiani inviavano ai loro cari e hanno cercato di immedesimarsi in quei combattenti, scrivendo a loro volta delle lettere, immaginando di indirizzarle ad un loro caro. Queste lettere sono state poi tutte ricopiate in un libretto, realizzato nell’ambito del "progetto manualità" con la prof.ssa di tecnologia: sono stati i ragazzi stessi a confezionare interamente il libro, tagliandolo e rilegandolo accuratamente, a mano. In arte, sono stati approfonditi gli "artisti soldato” e, in particolare, è stata analizzata l’opera “La lettera” di F. Mazzini. Ai ragazzi è stato poi proposto di riprodurre tale opera in un foglio di carta precedentemente “antichizzato”, ovvero dipinto con una soluzione di acqua e thè . Il progetto ha coinvolto molto i ragazzi che hanno avuto modo di “entrare nella storia" e di riflettere sul tema della guerra, valutando tutte le conseguenze che essa comporta sulla vita reale degli uomini. 
Un bel lavoro di squadra: complimenti per il bel lavoro ragazzi! 
 
Serena Bognolo
Marina Palumbo
Cristina Papaccio
Lunedì, 28 Febbraio 2022 15:52

Aperitivo col crimine

Nel primo pomeriggio del 22 febbraio le classi seconde si sono cimentate nella drammatizzazione di un racconto "giallo"  suddivisi in attori protagonisti, comparse, addetti alla scenografia, ai costumi, alla regia e alla logistica. A risolvere gli intriganti e avvincenti racconti alcuni alunni di altre seconde unitamente ai genitori che , da casa, partecipavano on line alle varie fasi dell'inchiesta aiutando gli investigatori.
Racconti riusciti, ragazzi coinvolti che hanno dato prova di lavorare con passione ed entusiasmo!

Il giorno 18 febbraio i ragazzi delle classi terze hanno partecipato ad una toccante attività che ha coinvolto la ONLUS “Una strada” e che ha raccolto la testimonianza del giovane Ibrahima Lo, il quale ha raccontato la sua storia di emigrazione, accompagnato da Gianni Trotter, presidente della ONLUS stessa. Tale attività, organizzata dal Comune di Venezia al quale si era richiesta l’adesione per alcuni itinerari educativi, si è dimostrata di ampia condivisione emotiva per i nostri ragazzi che hanno partecipato in maniera molto sentita alle vicende che sono emerse dai racconti di Ibrahima, raccolti anche nel suo libro dal titolo “Pane e acqua”.

Ibrahima, giovanissimo ragazzo senegalese, è partito verso l’Europa quando ancora aveva sedici anni. Ha dovuto affrontare un viaggio durissimo per attraversare tre Stati africani e per poi arrivare al triste contesto libico in cui è stato trattenuto per lungo tempo, prima di riuscire a prendere il mare. Con la semplicità e la chiarezza di racconto di una persona che ha vissuto sulla propria pelle la durezza della vita, Ibrahima ha testimoniato le terribili violenze subite e la sconsolazione disperata di un ragazzo a cui non era mai stata spiegata la vera cattiveria, ma ha anche rivelato la gratitudine sperimentata nella consapevolezza di essere vivo e quindi fortunato.

Il tutto è stato accolto da numerose domande da parte dei ragazzi, curiosi di ottenere maggiori dettagli rispetto al vissuto di Ibrahima: tutti si sono dimostrati aperti all’ascolto e coinvolti emotivamente a tal punto che, nelle classi, si sono poi combattuti il libro “Pane e acqua” che Ibrahima ci aveva lasciato.  

 

Serena Bognolo

Venerdì, 22 Aprile 2022 16:07

Giovani artisti!

VETRATE ARTISTICHE

Le classi seconde hanno realizzato delle “vetrate” artistiche utilizzando del cartoncino nero e carta velina colorata ispirati dallo studio delle magnifiche cattedrali gotiche e delle loro stupende vetrate. Il lavoro ha richiesto molta precisione sia nel taglio del cartoncino che dei vari pezzi di carta velina che essendo molto sottile è facile a rompersi. Ma i ragazzi si sono impegnati molto e il risultato è stato davvero interessante e… colorato! Complimenti a tutti soprattutto per la pazienza dimostrata!

LUCI E OMBRE

Lo studio del meraviglioso Giotto ci ha fatto comprendere come il chiaroscuro, da lui introdotto nelle sue opere, sia fondamentale per dare volume ai soggetti che disegniamo. Ho proposto, quindi, ai ragazzi di sperimentare tale tecnica con l’utilizzo degli acquarelli. Il soggetto del disegno era una semplice natura morta, ma la difficoltà era renderla “tridimensionale” solo con l’utilizzo della scala di grigi. All’inizio i ragazzi erano un po’ dubbiosi, non credevano di riuscirci, ma con soddisfazione hanno verificato che il risultato invece l’avevano raggiunto! Un piccolo grande successo dei nostri bravi ragazzi artisti!

Cristina Papaccio

 

Lunedì, 11 Aprile 2022 10:11

Maschere tribali

Gli alunni delle classi prime si sono cimentati nella realizzazione di divertentissime maschere tribali. L’occasione è nata durante lo studio dell’arte greca e, in particolare, del teatro. Abbiamo studiato come gli attori del tempo utilizzassero delle maschere sia per la caratterizzazione dei personaggi ma anche come  cassa di risonanza per la loro voce. Ho proposto allora ai ragazzi di realizzare una loro maschera, ma ispirandosi alle maschere tribali di cui abbiamo visto numerosi esempi. Tutti si sono dimostrati entusiasti dell’idea e hanno dato sfogo alla loro creatività.  Il risultato sono queste coloratissime e personalissime maschere tribali del Berna! Bravi ragazzi!

 

Cristina Papaccio 

Nei mesi scorsi le classi terze sono state impegnate in un’uscita didattica alla Gipsoteca del Canova a Possagno. Lo scopo era scoprire dal vero le stupende opere di questo grande scultore che in classe avevamo studiato ed analizzato. La visita guidata ci ha consentito di visitare anche la casa natale del Canova al cui interno abbiamo potuto ammirare le opere pittoriche dell’artista e anche il suo particolare metodo di lavoro attraverso una ricostruzione delle varie fasi di lavorazione. Alla gipsoteca abbiamo poi potuto ammirare i gessi originali del Canova presentati in modo chiaro e approfondito dalla nostra guida.

I ragazzi hanno mostrato molto interesse facendo diverse domande ed esprimendo il loro piacere nel vedere questi capolavori. Un bel momento davvero in cui abbiamo scoperto il piacere di ammirare dal vivo le opere che insieme stiamo approfondendo in classe.

L’uscita a Possagno con le classi terze si è conclusa con la partecipazione ad un laboratorio in cui i ragazzi sono stati coinvolti nella realizzazione di un’opera in argilla. La nostra guida ha illustrato la metodologia da seguire: primo passaggio realizzare un’armatura con il filo di ferro che ha lo scopo di sostenere la figura che si sta realizzando e infine “riempire” con pezzi di argilla che andranno poi modellati per definire i dettagli della scultura.

I ragazzi si sono divertiti molto e si sono messi alla prova con entusiasmo infatti le due ore di laboratorio sono letteralmente “volate”. Ognuno di loro ha poi potuto portare a casa la loro opera a ricordo di questa bella esperienza.

Venerdì, 01 Aprile 2022 16:03

Alla ricerca della Mestre Medioevale

La classe 2A ha partecipato martedì 29 marzo  al laboratorio tenuto dalle archeloghe Cristina Colautti e Valeria Ardizzon che sono state le protagoniste di lunghi scavi nella nostra città e che hanno portato alla luce numerose tracce del suo passato medioevale. In aula Cristina e Valeria hanno illustrato agli alunni la storia della città anche con l'ausilio di interessanti video e poi ci hanno accompagnato in giro per la città a vedere e scoprire la Mestre Medioevale.
Ogni alunno aveva un suo particolare incarico: c'erano i fotografi, coloro che dovevano tracciare sulla pianta della città il percorso che si stava facendo, altri che dovevano segnare sulla mappa antica di Mestre i luoghi che stavamo visitando. Tutti si sono mostrati entusiasti e interessati. Infine, rientrati in aula Cristina e Valeria hanno ricostruito insieme ai ragazzi gli antichi castelli e borghi che hanno segnato la storia della nostra città su immagine del fotopiano di Mestre.
L'esperienza è stata davvero interessante e coinvolgente. Un grazie alle nostre archeologhe e complimenti ai nostri ragazzi che sono stati davvero in gamba!
Pagina 1 di 2
­