Alla scoperta del grande Leonardo da Vinci

Vota questo articolo
(4 Voti)

La nostra scuola anche questa volta ci ha fatto un super regalo: una gita a Venezia è sempre una bellissima opportunità didattica per conoscere il nostro territorio, scoprire quanto ci offre e vivere un’esperienza unica.

Visto che stiamo per diventare tecnici elettrici e tecnici per la riparazione di veicoli a motore, la prima visita è stata fatta all’azienda alle porte di Venezia, ancora nella terraferma, lo Scafoclub. Un’azienda storica nel nostro territorio che ci ha offerto la possibilità di visitare gli spazi, vedere come si effettua un ammaraggio con la gru, e capire come viene gestito il rimessaggio. Inoltre vedere le officine dove vengono fatti i vari lavori di manutenzione delle parti meccaniche ed elettriche ci ha aperto gli occhi su una potenziale offerta di lavoro adatta alla nostra preparazione.

Con l’autobus poi abbiamo raggiunto Venezia e, a soli 10 minuti a piedi, passando per i giardini di Papadopoli, siamo arrivati alla chiesa di San Rocco, vicino alla famosa scuola grande di S.Rocco. Vicino la chiesa ora c’è un museo dedicato al più famoso, inventore, pittore, scultore, progettista di tutti i tempi: Leonardo da Vinci. Visto che siamo arrivati prima dell’apertura, siamo passati per un ottimo caffè in una storica pasticceria di Venezia, Tonolo.

Finalmente alle 11.00 si entra al museo delle meraviglie. Con l’aiuto dell’audioguida messa a disposizione sala dopo sala scopriamo le meraviglie che quest’uomo nel lontano 1500 ha pensato, creato e progettato. La visita virtuale poi, ci ha lasciato tutti stupiti delle sue invenzioni belliche e del suo ingegno per le macchine volanti come l’ornitottero.

E’ al piano superiore però che siamo stati più colpiti da quanto Leonardo ha concepito nella sua mente geniale. Tramite numerosi modellini funzionanti e utilizzabili abbiamo scoperto l’antenato del carro armato, della mitragliatrice, del cuscinetto a sfere, dell’utilizzo delle leve in moltissime forme, ponti, ali, volani, salvagenti, sommergibili, insomma una pazzesca miscellanea concertazione di oggetti che oggi consideriamo comuni ma che abbiamo scoperto essere nate dalla mente di Leonardo da Vinci.

Soddisfatti della visita, passando tra calli, campi e campielli e attraversando la storica pescheria e il famoso ponte di Rialto, raggiungiamo il posto del ristoro, la famosa rosticceria Gislon. Non c’è di meglio che un’ottima mozzarella in carrozza calda per l’ora di pranzo!

Vista la bellissima giornata di sole, ci siamo avventurati verso la più famosa piazza del mondo, piazza San Marco. E come non fare una visita alla bellissima Basilica. Tra i suoi meravigliosi mosaici dorati e le sue decorazione siamo rimasti basiti dalla bellezza e ricchezza di questa basilica. Passeggiando verso il bacino San Marco, siamo arrivati al famoso Ponte dei Sospiri dove ci siamo fatti immortalare con una foto.

E’ ora di tornare indietro e precisamente al Fontego dei Tedeschi (fondaco in italiano), dove all’ultimo piano, abbiamo prenotato una visita di 360° di Venezia dalla terrazza panoramica. Che dire… bellissima Venezia, le foto non raccontano l’emozione di questo luogo ricco di storia, poesia e fascino.

Il rientro verso Piazzale Roma continua con una pigra passeggiata in Strada Nuova, scoprendo Ca d’Oro, il ponte dei pugni, quello delle Guglie e per finire in Campo San Geremia con una simpatica storia sul Palazzo Labia e il suo proprietario.

Non ci rimane che invitarvi tutti ad andare a Venezia e visitare i luoghi che abbiamo scoperto con questa gita.

I ragazzi del quarto anno Industria

 

Letto 141 volte

Video

Galleria immagini

Altro in questa categoria: « 35° FESTA DEL RADICCHIO di TREVISO
­